fond

La Scuola della Buona Politica di Torino

La "buona politica"
è buona se mette a confronto diversi e divergenti punti di vista

 

1wSBPT 2018
Guarda il programma

La Scuola per la Buona Politica di Torino, nata nel 2007, persegue l’obiettivo della rivitalizzazione di un’opinione pubblica critica, diffusa ed estesa. Ispirata al modello dell’omonima Scuola creata a Roma nel 2006 dalla Fondazione Basso,la SBPT non si rivolge in primo luogo a studiosi o a studenti universitari, ma ai cittadini, offrendo spazi e strumenti per la formazione e l’autoformazione del cittadino educato (come lo chiamava Norberto Bobbio), soggetto consapevole e attivo di una democrazia pluralista.

Leggi tutto

  

Seguici

Le nostre news

Migrazioni. Oltre l’indignazione. Ciclo didattico gennaio-giugno 2019

L’estate ci ha offerto innumerevoli occasioni per indignarci: la chiusura dei porti italiani alle navi dei naufraghi; la criminalizzazione dell’attività umanitaria delle Ong; la vergogna dei lager libici, dove i migranti sono vittime di tortura, stupri, sevizie; il cinismo dell’Italia e dell’Europa che fanno finta di non vedere e si trincerano nella loro fortezza… Indignarsi, tuttavia, non è sufficiente. Abbiamo bisogno di capire che cosa sta succedendo. Di confrontarci con la realtà – fatta di numeri, ma anche di corpi e volti di persone in carne ossa. Di uscire dall’impotenza e dal fatalismo. E allora sono molte le questioni su cui dobbiamo interrogarci. Perché tante persone, oggi, lasciano i loro paesi? Si tratta di un fenomeno senza precedenti? Ha senso distinguere tra chi “ha diritto” e chi “non ha diritto” di emigrare, tra profughi e migranti economici? E, ancora: qual è l’impatto economico e demografico dell’immigrazione dall’Africa e dal Medio Oriente verso la vecchia Europa? Che cosa c’è di vero nella denuncia del “business dell’accoglienza”? È vero che stiamo diventando razzisti?

Per affrontare questi temi la Scuola per la buona politica di Torino si è rivolta alle competenze di chi da anni si occupa di fenomeni migratori: demografi, giuristi, antropologi, storici, ma anche esponenti politici e giornalisti alle prese con la gestione concreta dell’accoglienza o con la sua rappresentazione mediatica. Ciascun relatore sarà affiancato da un interlocutore, che dialogherà con lui e con il pubblico.
Le lezioni saranno precedute da una rappresentazione teatrale, organizzata in collaborazione con l’Unione culturale, ispirata alle Supplici di Eschilo.

 

Domenica 13 gennaio
Unione culturale Franco Antonicelli, via Cesare Battisti 4 – ore 21
Prede. Provocazioni dalle Supplici di Eschilo
Performance a cura dell'Unione culturale Franco Antonicelli in collaborazione con Doppeltraum Teatro di e con Leonard Mazzone. Con Chiara Bosco, Federico Frascherelli e Federico Palumeri

Giovedì 17 gennaio
Circolo dei Lettori, via Bogino 9 – ore 18-20
Michelangelo Bovero, Valentina Pazé: Migrazioni. Che cosa vogliamo sapere, che cosa possiamo fare, come dobbiamo reagire
Gianluca Vitale, in dialogo con Francesco Pallante: I migranti, le leggi, i diritti

Giovedì 21 febbraio
Circolo dei Lettori – ore 18-20
Massimo Livi Bacci, in dialogo con Francesco Remotti: Migrazioni. Ma perché?

Giovedì 14 marzo
Circolo dei Lettori – ore 18-20
Annalisa Camilli, in dialogo con Valeria Ferraris: Le Ong e il diritto del mare

Mercoledì 10 aprile
Circolo dei Lettori – ore 18-20
Marco Aime, in dialogo con Adriano Favole: Società meticce. Il nostro futuro?

Giovedì 9 maggio
Circolo dei Lettori – ore 18-20
Chiara Sasso, in dialogo con Livio Pepino: Quale accoglienza? Riace, e non solo

Giovedì 6 giugno
Circolo dei Lettori – ore 18-20
Gad Lerner, in dialogo con Marco Revelli: Il razzismo nella storia d’Italia

 

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

"""""""""""

Leggi tutto

Luigi Ferrajoli: La questione migranti. Italia incivile, Europa incivile

Scarica l'articolo

Leggi tutto

Maria Vittoria Ballestrero: Reddito senza lavoro, lavoro senza reddito

Scarica il testo della lezione

 

Leggi tutto

La Scuola della Buona Politica di Torino

Da dieci anni con voi

Da dieci anni, con un incontro al mese, la Scuola per la buona politica è a Torino per discutere con voi di questioni politiche e sociali. I nostri seminari sono pensati per la cittadinanza, con l'obiettivo di rivitalizzare un'opinione pubblica critica.

I nostri relatori

Fabrizio Barca, Remo Bodei, Luciana Castellina, Lorenza Carlassare, Ida Dominijanni, Juan Carlos De Martin, Luigi Ferrajoli, Stephen Holmes, Serge Latouche, Pepino Ortoleva, Petros Markaris, Tomaso Montanari, Gustavo Zagrebelsky...

Le tematiche della Scuola per la buona politica

Le trasformazioni dei sistemi politici, i populismi, le geografie del potere, l'«eurotecnocrazia», guerre di civiltà o civiltà della guerra?, la questione sociale oggi, riforma della costituzione e pericoli per la democrazia, capitalismo e democrazia...

Partnership

torino
metro
basso

Twitter

 

SBP Torino (@SbpTorino)
#dirittiumani 12 dicembre 2018 ore 18 @ilPolodel900 Dialogo con Ferrajoli
SBP Torino (@SbpTorino)
Il nuovo programma della Scuola per la buona #politica #migrazioni #migranti #indignazione
SBP Torino (@SbpTorino)
Remo #Bodei "Un mal #governo dell'altro mondo" sala lauree rossa @ScuolaCle ADESSO!
Per affrontare il tema delle #Migrazioni ci rivolgeremo chi se ne occupa, alle prese con la gestione dell’… twitter.com/i/web/status/1…

Ti informiamo che, per migliorare la tua esperienza di navigazione su questo Sito sono utilizzati dei cookies. Cliccando su “Accetto ” o continuando la navigazione saranno attivati tutti i cookies specificati nell' Informativa estesa ai sensi dell’art. 13 del Codice della privacy. Per scoprire come utilizziamo i cookie e come cancellarli, guarda la nostra privacy policy.

  Accetto i cookie da questo sito.